Rinoplastica estetica chiusa: quando le vie di accesso fanno la differenza

Che cos’è la rinoplastica chiusa? Quali sono le differenze tra questa tecnica e la rinoplastica aperta? Quale delle due procedure di chirurgia estetica del naso dà risultati migliori? Quanto costa una rinoplastica chiusa? Queste sono solo alcune delle domande che si pone chi sta valutando la possibilità di modificare la forma del proprio naso. Iniziamo con una prima definizione della tecnica chiusa in rinoplastica.

La rinoplastica endonasale o tecnica chiusa è una modalità di intervento al naso in cui il chirurgo esegue incisioni di accesso all’interno delle narici. Il primo evidente vantaggio di questa modalità operatoria è l’assenza di cicatrici esterne: a differenza di quanto avviene nella tecnica open, la tecnica chiusa non richiede nessuna incisione esterna sulla columella.

D’altro canto, però, questo accesso rende l’operazione estetica al naso più complessa. Il chirurgo deve operare senza avere la piena visibilità sullo scheletro osteo-cartilagineo nasale. Al contrario, può però contare sul tatto, un senso finissimo che permette al chirurgo un controllo istantaneo e continuo del risultato delle modifiche che via via apporta alle varie componenti anatomiche del naso esterno. Di conseguenza, solo i chirurghi più abili ed esperti sono in grado di eseguire l’intervento estetico al naso utilizzando la tecnica chiusa. Bisogna inoltre sottolineare che non tutti gli interventi di rimodellamento estetico del naso possono essere effettuati con tecnica chiusa.

Rinoplastica chiusa prima e dopo

In viaggio con i miei pazienti

Chirurgia estetica naso: tecnica aperta o chiusa?

Oggi sono sempre più numerosi i pazienti che, ancor prima di aver effettuato un incontro conoscitivo e una visita con il chirurgo, vogliono sapere se l’operazione estetica nasale si avvarrà della tecnica chiusa o di quella aperta. Tuttavia, sebbene questa curiosità sia legittima, nessun chirurgo può dare una risposta a priori. Cerchiamo comunque di vederci più chiaro esaminando le differenze tra le due procedure operatorie.

  • Nella rinoplastica aperta, il chirurgo effettua un’incisione sulla columella, ovvero il pilastrino di cartilagine e tessuti molli che si trova tra le due narici. In questo modo, sollevando un lembo cutaneo, ha una visione a cielo aperto sulle cartilagini e ossa che costituiscono lo scheletro del naso.
  • Nella rinoplastica chiusa, invece, le incisioni sono posizionate all’interno delle fosse nasali, dunque senza lasciare alcuna cicatrice visibile all’esterno. Questo significa che tra le strutture da rimodellare e l’occhio del chirurgo è presente la copertura della cute, pertanto le manovre chirurgiche risultano più difficoltose.

Però, non è corretto affermare che con questa tecnica il chirurgo operi “alla cieca”. Grazie ad appositi strumenti detti retrattori nasali ovvero grazie all’uso di endoscopi del diametro di 2 – 4 millimetri, le strutture anatomiche da modificare possono essere adeguatamente visualizzate. Tuttavia è indubbio che, pur offrendo diversi vantaggi, la tecnica chiusa presenti maggiori difficoltà per chi esegue le manovre chirurgiche.

Vediamo più in dettaglio vantaggi e svantaggi della rinoplastica endonasale.

Leggi tutto

Rinoplastica chiusa: vantaggi e svantaggi

Il primo e più evidente vantaggio della rinoplastica con tecnica chiusa è la minore invasività dell’operazione. Questo è un elemento di sostanziale differenza con la tecnica open. Quest’ultima, infatti, essendo una procedura destrutturante, richiede quasi sempre uso di innesti robusti per ripristinare la solidità delle strutture di sostegno, dilatando in tal modo i tempi operatori, e l’aggravio nei costi. Per queste ragioni, la rinoplastica chiusa ha generalmente una durata più breve rispetto alla tecnica aperta, e non presenta il rischio di lasciare cicatrici visibili. Proprio per questa ragioni, la rinoplastica endonasale sta vivendo negli ultimi anni un periodo di resurrezione e di aumentato interesse da parte di molti chirurghi, in tutte le parti del mondo.

Come abbiamo già detto, in rinoplastica non esiste un’unica tecnica che sia assolutamente superiore alle altre: il miglior chirurgo per rinoplastica è in grado di alternarle e modularle in base alle modificazioni da eseguire non su un modello standard di naso, ma sulle caratteristiche anatomiche del naso e sui desideri del/della paziente, entrambi assolutamente individuali.

In breve, i vantaggi della rinoplastica chiusa includono:

  • maggiore versatilità di tecniche, che si possono scegliere in relazione al difetto da modificare, in contrapposizione all’accesso standard della rinoplastrica aperta, che è sempre il medesimo indipendentemente dall’anatomia dello specifico paziente;
  • tempi operatori più brevi;
  • nessun rischio di cicatrici esterne. L’unico caso in cui potrebbero residuare cicatrici è quello di contestuale restringimento delle narici (quindi rischio di doppia cicatrice con tecnica aperta);
  • risultati spesso più naturali
  • minor gonfiore post-operatorio;
  • tempi di recupero più rapidi.
  • approccio di scelta, per sicurezza e riduzione di rischio di gravi complicazioni, nei pazienti che hanno già subito multiple rinoplastiche – soprattutto aperte – perché permette di raggiungere le aree da correggere con incisione differenziate. Questa minima invasività permette anche di ridurre lo stress a carico della cute esterna di rivestimento, molto spesso compromessa dai molteplici precedenti interventi.

Tuttavia, questa tecnica non è priva di svantaggi. In particolare:

  • La ridotta visibilità può comportare maggior difficoltà tecnica o minore precisione delle manovre correttive se eseguite da chirurghi meno esperti;
  • Accessibilità chirurgica ridotta nei casi che necessitano di importanti ricostruzioni dello scheletro osteocartilagineo, come può essere necessario in revisioni complesse (rinoplastica secondaria), e nelle rinoplastiche “estreme” in pazienti con malformazioni congenite.

Risultati rinoplastica chiusa: naso operato con tecnica endonasale

In genere, i sostenitori della tecnica chiusa prediligono un approccio non demolitivo e minimamente invasivo alla chirurgia estetica nasale. In termini ironici, vi è chi paragona il chirurgo che usa la tecnica endonasale allo scultore che plasma la materia con grande maestria e consapevolezza degli effetti del gesto, mentre il chirurgo che opera il naso con tecnica open usa manualità di lavoro di smontaggio e riassemblaggio, richiesta a un bravissimo artigiano. La solita diatriba tra le due scuole di pensiero….

In realtà, a parità di esperienza, il chirurgo che opera con le incisioni columellari tipiche della tecnica aperta può ottenere risultati del tutto paragonabili a quelli dello specialista che predilige la via endonasale. Fatta eccezione per nasi già operati e correzioni complesse, la rinoplastica chiusa può dare risultati più naturali. Ancor più versatile e precisa è la chirurgia nasale ibrida, che nasce dall’esaltazione dei punti di forza delle due tecniche tradizionali.

Tuttavia, solo il chirurgo può suggerire il percorso più indicato a ottenere il miglior risultato. Lo specialista del naso, esperto e possibilmente superspecializzato in rinoplastica, può rimodellare lo scheletro e le cartilagini nasali con precisione e delicatezza, ottenendo risultati stabili nel tempo, naturali, piacevoli e armoniosi con qualsiasi tecnica chirurgica – chiusa, aperta o ibrida.

Rinoplastica chiusa a Milano con il miglior chirurgo

Uno specialista con molti anni di esperienza specifica nel campo della rinoplastica è in grado di integrare, alternare e modulare le diverse tecniche operatorie in modo da ottenere un risultato gratificante per il paziente. Nei suoi oltre 25 anni di dedizione esclusiva e assoluta alla chirurgia estetico-funzionale del naso, il Prof. Pietro Palma ha sviluppato una procedura operatoria che combina i vantaggi delle due tecniche aperta e chiusa.

La rinoplastica ibrida, ormai in uso da oltre un decennio, ha portato alla soddisfazione di un numero elevatissimo di pazienti riducendo al minimo le complicanze e favorendo un recupero post-operatorio ottimale. È nostra opinione è che un chirurgo specializzato nelle operazioni estetiche del naso debba padroneggiare tutte le principali tecniche di intervento, scegliendo di volta in volta la modalità più indicata in base alle caratteristiche del paziente e agli obiettivi che si vogliono raggiungere.

Dunque, piuttosto che scegliere il chirurgo in base alla tecnica, si dovrebbe scegliere un chirurgo in grado di adattare la tecnica al paziente.

Miglior chirurgo per rifarsi il naso a Milano

Chi sta valutando l’opportunità di sottoporsi a un’operazione di chirurgia estetica al naso può rivolgersi con fiducia al prof. Pietro Palma a Milano. Nel corso di oltre 25 anni di pratica chirurgica esclusivista, come specialista del naso ha affrontato con la sua équipe una vasta casistica di rinoplastiche maschili e femminili, rinoplastiche adolescenti e innumerevoli revisioni di varia complessità (inclusi casi di rinoplastica estrema).

Ritenuto da colleghi e pazienti uno tra i migliori chirurghi per rinoplastica primaria e secondaria a Milano, Pietro Palma aggiunge ai classici approcci della tecnica aperta o chiusa un’ulteriore procedura. Ancor più avanzata, versatile e performante delle altre due, la rinoplastica ibrida permette di ottenere risultati di straordinaria naturalezza a fronte di un’invasività ridotta ai minimi termini.

Bisogna anche ricordare che non in tutti i casi la rinoplastica può dare i risultati sperati: ecco perché, a volte il chirurgo dissuade il paziente dalla volontà di operarsi se valuta che il prevedibile risultato sia lontano dai desideri del/della paziente. Nei casi “dubbi”, l’attitudine del Prof. Palma è quella di ridiscutere con il paziente il possibile risultato anche con simulazioni computerizzate. La decisione di “rifarsi il naso” deve essere sempre meditata a lungo e con attenzione. In ogni caso, solo dopo un’attenta valutazione della specifica anatomia nasale e degli obiettivi del paziente è possibile stabilire quale tipo di tecnica sia più adatta a cambiare la forma del naso, correggendo anche eventuali problematiche respiratorie.

Richiedi un colloquio conoscitivo con il chirurgo specialista e scopri se il tuo caso è compatibile con rinoplastica chiusa. Il Prof. Palma visita solo a Milano.

Contattaci

Pietro PALMA Chirurgo Rinoplastica


FAQ

IN CHE COSA CONSISTE LA CONSULTAZIONE?

La consultazione è finalizzata a porre una corretta diagnosi morfo-funzionale del naso e a inquadrare lo stato generale di salute mediante valutazione dei sintomi, esame rinoendoscopico del naso interno, analisi morfologica del naso esterno ed eventualmente fotografie standard con attrezzature professionali.

LA CONSULTAZIONE È GRATUITA?

La consultazione non è finalizzata a “vendere” un prodotto. Non può essere gratuita perché si tratta di consulenza qualificata, della durata di 30’-45’, effettuata da un esperto di elevata specializzazione in un moderno studio medico specialistico dotato di attrezzature di alta tecnologia.

QUANTO COSTA L’INTERVENTO?

Non esiste un costo standard perché ogni caso è diverso, e i costi sono in relazione all’estensione dell’intervento, e ai conseguenti tempi di utilizzo della sala operatoria.

I pazienti che ne fanno richiesta ricevono quotazione entro 48-72 ore dopo la consultazione. La quotazione – inviata via email – è estremamente dettagliata nelle voci di spesa (onorari medici, costi della clinica inclusa una notte di degenza, programmazione pre-operatoria – foto professionali, fotoanalisi digitale e simulazioni -, medicazioni post-operatorie e controlli fino a 12 mesi) in modo da azzerare il rischio di sorprese di costi “nascosti”.

E’ POSSIBILE RATEIZZARE IL PAGAMENTO?

E’ possibile accedere ad un finanziamento con pagamento rateale. In studio abbiamo personale che si occupa specificamente di questi aspetti.

CHE TECNICA CHIRURGICA USA?

La mia regola è che debba essere il chirurgo ad adattarsi all’anatomia del paziente, e non viceversa. Il chirurgo deve possedere un bagaglio di tecniche molto ampio, tale da permettere di selezionare la tecnica in grado di raggiungere il massimo dell’obiettivo con il minimo dei rischi. Preferisco operare dall’interno (chiuso o endonasale) senza lasciare cicatrici esterne e senza eccessi di chirurgia. Nei casi complessi, adotto un approccio “ibrido” che mi permette di utilizzare le tecniche tipicamente usate nella rinoplastica open (innesti, suture) ma senza “aprire” il naso. In casi di revisione o di malformazioni che necessitano di ricostruzioni estese, utilizzo la tecnica aperta.

Seguici su Instagram!

🇮🇹 🎄💫🪅
A ognuno di Voi, cari pazienti, il team di YOUniqueRhinoplasty®️ augura un 2️⃣0️⃣2️⃣3️⃣ ricco di buona salute, gioia, soddisfazioni e tante belle cose da condividere con i Vostri cari.
BUON ANNO!

🇬🇧🎄💫🪅 YOUniqueRhinoplasty®️ team wishes to each and every one of our patients a New 2️⃣0️⃣2️⃣3️⃣ Year filled with good health, joy, success and many good things to share with the loved ones.
HAPPY NEW YEAR!

#yoniquerhinoplasty #pietropalma #dririnavasilenko #milano #🇮🇹 #happynewyeartoall
...

98 25
This error message is only visible to WordPress admins

Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

Log in as an administrator and view the Instagram Feed settings page for more details.